Il barocco obbligatorio


Transito in una sterminata “Casa del regalo”,
in piena Brianza Barocca. Giganteschi flute da giardino in plexiglass per ciclopi assetati, tavolini
e sedie in ferro battuto stile Vecchia Lombardia – regione storicamente inesistita
ma riaffiorante nel gradevole incubo post-odierno – vascelli in miniatura
grandi quanto un tavolo da sei, un pianura intera di fiori sgargianti e finti,
un’altra degli stessi ma veri, meno profumati però, e poi, nell’angolo
degli animali, un angolo grande quanto un campo di calcetto, tartarughe immobili,
pesci improbabili, quadrupedi di varie taglie, e infine, lei: la piccola
iguana, reperto giurassico, archeologia vivente di se stessa, che arrampicata
sul vetro della sua piccola gabbia, sostenuta dalla lunghissima coda, osserva
i visitatori e con l’occhietto mobile sembra implorare, avvolta nella sua
lussureggiante livrea verde.

Nel frattempo Sergio
è rimasto tramortito (nel senso negativo del termine) da una brutta
prova di giovin scrittori italiani. Io sostengo, ma non scopro nulla, che
in Italia abbiamo avuto fior di scrittori, soltanto poco noti. Si va matti
per la metafiction della metafiction (il che è anche giusto) manco fosse un’invenzione americana, poi basterebbe sfogliare Centuria, per farsi un’idea. Poco conosciuta dal vasto pubblico anche la Ortese, autrice dalla scrittura di raffinatissima bellezza, i cui racconti raccolti ne Il mare non bagna Napoli
tramortirono me, tempo fa. Nel week-end, piacevolmente disteso sui sassi
di un’affollatissima benché nascosta spiaggetta ligure a due metri
da bambini urlanti, per rimanere in argomento, ho iniziato a leggere il suo
delizioso e implacabile L’iguana.

ps
Della Ortese ha parlato anche Palmasco, tempo fa.

4 pensieri su “Il barocco obbligatorio

  1. Tengo a precisare che almeno alcuni di quei giovin (?) scrittori mi hanno fatto migliore impressione in altre occasioni. Io credo che il problema stia nell’origine di quella raccolta, come scrivo chez moi, non tanto nella maggiore o minore abilità degli scrittori coinvolti.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>